tessuti sintetici come lavarli

Tessuti sintetici: quali sono e come lavarli in lavatrice per eliminare i cattivi odori!

Pubblicato il 2 ottobre 2018

Oggi nei nostri armadi i tessuti sintetici superano quelli naturali. Soprattutto i capi tecnici e sportivi sono realizzati con fibre sintetiche, o al massimo miste. Ma come riconoscere questo tipo di tessuto? E perché spesso i tessuti sintetici puzzano anche se sono appena usciti dalla lavatrice?

Vediamo insieme le loro caratteristiche principali e qualche trucco per lavare e conservare al meglio magliette, pantaloni e biancheria sintetica.

Leggi anche: Lavare il reggiseno: il vademecum per metterlo in lavatrice senza rovinarlo!

Tessuti sintetici: resistenti e anti-piega

Sono realizzati con fibre tessili sintetiche a partire da materiali derivati dal petrolio. Spesso vengono confusi con le fibre artificiali, che però non sono la stessa cosa: queste ultime sono create sì “in laboratorio” ma a partire da materie prime di origine naturale.

Tendenzialmente, le fibre sintetiche sono molto resistenti e durature, non si deformano e sopportano graffi e strappi. I tessuti sintetici sono particolarmente indeformabili e antipiega, quindi di solito “si stirano” da soli. Inoltre, non si restringono e si asciugano rapidamente perché assorbono pochissima umidità. 

Leggi anche: Lavare i jeans: ecco cosa bisogna fare per mantenerli sempre nuovi

I sintetici più diffusi

  • Poliestere: la fibra chimica più nota, spesso presente nei capi misti. Particolarmente indeformabile, si lavora anche sotto forma di “microfibra”.
  • Poliammide: conosciuto come Nylon, è usato soprattutto per capi che aderiscono alla pelle, come i collant.
  • Acrilico: si usa da solo o insieme ad altre fibre per produrre capi dall’aspetto robusto. Simile alla lana, è un tessuto che va lavato con attenzione.
  • Elastam: detto anche Spandex o impropriamente Lycra, si utilizza per capi elasticizzati di solito insieme al cotone.
  • Neoprene: utilizzato con successo per i capi sportivi, è il tessuto delle tute da sub. Negli ultimi anni si è diffuso anche nell’industria dell’abbigliamento prêt-à-porter, borse comprese.
  • Gore-tex: leggero e impermeabile, si utilizza per capi tecnici (ad esempio, quelli per gli sport estremi) che devono resistere all’acqua ed essere traspiranti e molto leggeri.

tessuti sintetici che puzzano

Come lavare i tessuti sintetici: qualche consiglio!

I tessuti sintetici si possono lavare in lavatrice, l’importante come sempre è leggere l’etichetta per seguire le indicazioni di lavaggio, stiratura e asciugatura fornite dal produttore. È buona norma non lavare i tessuti sintetici insieme a quelli naturali. Inoltre, meglio rovesciare sempre il capo al contrario prima di infilarlo in lavatrice.

I sintetici si lavano a basse temperature: per stare sicuri, scegliete i 30 °C e se presente nella vostra lavatrice impostate il programma per capi sintetici. Sulle etichette dei tessuti sintetici potreste leggere anche 40 °C e più raramente 60°C, ma di solito non è consigliabile superare i 40 °C.

Le fibre sintetiche sono soggette a carica elettrostatica: tradotto, significa che una volta indossati dopo il lavaggio possono aderire alla pelle dando una spiacevole sensazione. Per eliminare questo problema, aggiungete sempre un po’ di ammorbidente nel lavaggio dei sintetici.

Leggi anche: Come lavare il lino: i segreti per non danneggiare questo tessuto naturale

Se nella vostra lavatrice non è presente il programma specifico per questo tipo di fibre, e se non avete mai lavato il capo perché è nuovo, procedete con cautela selezionando il programma per i delicati e impostando una centrifuga soft. I capi sintetici non assorbono molta acqua quindi non c’è bisogno di strizzarli a lungo.

L’asciugatura dei tessuti sintetici è rapida e facile. Stendeteli all’aria, ritirandoli prima dei capi in cotone o altro tessuto naturale. Per quanto riguarda la stiratura, non vanno stirati quasi mai. Se volete eliminare qualche piega impostate il ferro da stiro alla temperatura più bassa e posizionate una vecchia federa tra il tessuto e il ferro.

In asciugatrice, se l’etichetta lo consente, impostate una temperatura molto bassa e non caricate troppo il cestello. A volte però i capi sintetici si asciugano anche solo dopo tamponatura con un asciugamano di spugna!

tessuti sintetici sportivi

Come eliminare la puzza di sudore dai tessuti sintetici

L’abbigliamento sportivo è quasi sempre realizzato con fibre sintetiche che attraggono particolarmente sebo, unto, sudore e altri odori della pelle. È per questo che gli abiti della palestra a volte puzzano ancora anche dopo numerosi lavaggi. Inoltre, tendono molto facilmente a ingiallire.

Leggi anche: Stirare: 6 consigli utili per non faticare e risparmiare tempo!

Ecco quindi 3 consigli per evitare che i vostri abiti della palestra puzzino anche appena lavati:

  1. Dopo averli indossati, non lasciateli chiusi nella borsa dello sport o nella cesta dei panni sporchi troppo a lungo. Fategli prendere aria e lavateli il prima possibile.
  2. Rispettate le indicazioni di lavaggio riportate sull’etichetta.
  3. Utilizzare un prodotto anti-odore come il Rimuovi Odori Dr. Beckmann. Se ne aggiunge 1 tappo (35 ml) nella vaschetta dell’ammorbidente e poi si procede con il normale lavaggio per capi sintetici utilizzando il solito detersivo. Utilizzandolo sempre per i capi sportivi, il Rimuovi Odori Dr. Beckmann non solo neutralizza gli odori ma previene la loro formazione.

SCOPRI QUI TUTTA LA LINEA DEI PRODOTTI DR. BECKMANN!

Condividi su:

Commenta: