Calcare della lavatrice: gli effetti sul bucato (e non solo!)

Pubblicato il 16 Settembre 2017

Acqua dura: quali i danni?

Il calcare della lavatrice ha effetti sul bucato (e non solo!).

Il calcare è una roccia, ma in natura è presente anche sciolto nell’acqua. Ed è proprio attraverso l’acqua “dura” che fa più danni al bucato ma anche a tubature ed elettrodomestici!

Infatti, lentamente il calcare si deposita, creando nel tempo quelle fastidiose incrostazioni bianche e dure che opacizzano i tessuti e invecchiano prima del tempo i tessuti. Ma il calcare fa molto altro: blocca il flusso d’acqua dei rubinetti e danneggia gravemente la lavatrice.

Leggi anche: Capi macchiati di bianco dopo il lavaggio: perché la lavatrice sporca i vestiti?

Colori spenti e tessuti ruvidi

il_calcare_della_lavatice_bucato_grigio

Lavaggio dopo lavaggio, l’acqua molto calcarea opacizza i tessuti spegnendo il colore e rendendolo più grigio. A causa del calcare della lavatrice, il bucato diventa “vecchio” prima del tempo, e per farlo tornare bianco bisogna darsi da fare.

Depositandosi nella trama del tessuto, inoltre, le micro-particelle di calcare induriscono i tessuti. Per questo a volte gli asciugamani per il viso o le T-shirt di cotone sembrano carta vetrata nonostante siano state lavate con ammorbidente…

Leggi anche: Capi di cotone ingialliti: come farli tornare bianchi brillanti

Calcare della lavatrice e spreco di energia

I depositi di calcare danneggiano gli elettrodomestici, soprattutto quelli a contatto diretto e continuo con l’acqua, come la lavatrice. Oltre a danneggiare la resistenza elettrica, il calcare può rovinare le guarnizioni e causare perdite e gocciolamenti. I depositi di calcare nelle parte interne più nascoste della lavatrice ne diminuiscono le prestazioni, e causano anche un aumento dei consumi di energia. Se la lavatrice “non lava più bene” o se la bolletta dell’energia elettrica vi sembra inspiegabilmente salata, il motivo potrebbe essere il calcare.

Spreco di detersivo

il_calcare_della_lavatrice_panni_ruvidi

Come potete leggere sulle etichette dei detersivi per la lavatrice, se l’acqua è dura bisogna aumentare la dose di prodotto. Purtroppo infatti l’acqua calcarea ostacola l’efficacia dei detergenti. L’acqua dura quindi fa sprecare molto più detersivo dell’acqua dolce!

Leggi anche: Il detersivo per lavatrice: in polvere, liquido o in capsule?

Diminuzione della pressione dell’acqua

Inoltre le incrostazioni di calcare, nel tempo, ostruiscono rubinetti, miscelatori, filtri, ecc. Impedendo il passaggio dell’acqua, inoltre, il calcare provoca diminuzione nella potenza del flusso e della pressione, rendendo più difficoltosa la fuoriuscita dell’acqua calda. Per questo è importante tenere d’occhio i rubinetti e soprattutto i filtri, che vanno svitati e scrostrati con un anticalcare.

Come togliere il calcare della lavatrice? 

Il modo più veloce ed efficace per togliere il calcare della lavatrice è utilizzare periodicamente un disincrostante professionale, soprattutto se vivete in una zona in cui l’acqua è molto dura. Lo Sciogli Calcare Lavatrice Dr. Beckmann è adatto per tutte le lavatrici ed elimina i depositi di calcare e i residui di sporco.

Versatene una bustina direttamente nel cestello vuoto (senza bucato), impostate il programma di lavaggio a 60 °C senza prelavaggio e iniziate subito. Usato regolarmente, lo Sciogli Calcare Lavatrice Dr. Beckmann previene i malfunzionamenti della lavatrice.

SCOPRI QUI TUTTA LA LINEA DEI PRODOTTI DR. BECKMANN!

 

Condividi su:

Commenta: