Lavare le lenzuola: tutto quello che c’è da sapere!

Pubblicato il 9 Ottobre 2017

Lavare le lenzuola: tutto quello che c’è da sapere!

Cosa c’è di più bello di infilarsi in un letto appena fatto, con lenzuola fresche e profumate? Già, direte voi, ma spesso le lenzuola non profumano affatto o peggio ancora sono ingiallite. Per non parlare di eventuali macchie che non siamo riusciti a eliminare!

Insomma, lavare le lenzuola come si deve sembra facile ma non lo è. Allora, ripassiamo insieme tutto quello che c’è da sapere per avere sempre lenzuola fresche di bucato e dai colori brillanti.

Leggi anche: Bucato misto: come lavare insieme i capi colorati e quelli bianchi? 

Lavaggio frequente

lavare_le_lenzuola_letto_sfatto

La grande domanda è: ogni quanto bisogna lavare le lenzuola? In teoria, si consiglia di lavarle almeno ogni 15 giorni ma dipende anche dal tipo di vita e di abitudini che si hanno. Se avete animali in casa, sudate molto durante la notte, avete un brutto raffreddore, oppure se vi piace passare molto tempo a letto a sgranocchiare biscotti e guardare la tv, prendete in considerazione l’idea di lavarle ogni settimana.

La giusta temperatura per lavare le lenzuola

Il consiglio principale, come sempre, è di leggere l’etichetta, che vi dirà qual è la temperatura massima tollerata dal vostro set di biancheria da letto. Ovviamente, più la temperatura del lavaggio è alta, meglio eliminerete germi e batteri. Lavare le lenzuola a 90 °C però è eccessivo e può danneggiare molto velocemente il cotone.

Per le lenzuola bianche di cotone bastano 40 °C o 60 °C, per le colorate meglio rimanere tra i 30 °C e i 40 °C.

Se le lenzuola sono di lino, raso o di seta, attenetevi alle indicazioni di lavaggio riportate sull’etichetta e in generale utilizzate il programma per i delicati e scegliete temperature basse.

Leggi anche: Pulire i tappeti: 5 consigli per farli tornare come nuovi

Prevenire i cattivi odori delle lenzuola

lavare_le_lenzuola_stendere

I trucchetti sono tanti: non lavatele sempre a freddo, se possibile stendetele all’aria aperta e ritiratele appena sono asciutte, soprattutto se abitate in città. Se non avete molto spazio per stendere le lenzuola, potete procurarvi uno stendino a torre (cioè verticale).

Stirare le lenzuola sì o no?

Tendenzialmente è una questione di gusti, o meglio, di tolleranza verso… lo “spiegazzamento”. Vero è che il calore del ferro concorre ad eliminare eventuali germi rimasti dal lavaggio. Se non amate stirare le lenzuola, però, non temete: non siete i soli! Ecco qualche consiglio per evitare di accendere il ferro: durante il lavaggio escludete la centrifuga o impostatela a massimo 500 giri al minuto. Stendete le lenzuola il più possibile tese, e quando sono asciutte piegatele sbattendole con energia e lisciandole con le mani. Riposte così nel cassetto dovrebbero mantenere la piega e “stirarsi” da sole.

Un consiglio: non stendete le lenzuola colorate in piena luce del sole perché i raggi diretti sbiadiscono i colori.

Leggi anche: Come stendere i panni: tutti i trucchi per non stirare 

Come togliere le macchie di sangue dalle lenzuola

Non è raro che le lenzuola si macchino di sangue: una piccola ferita, sangue dal naso o ciclo mestruale sono eventualità comuni. La soluzione più rapida ed efficace per smacchiare il sangue è pretrattare la macchia con il Dissolvi Macchie Sangue e Proteine Dr. Beckmann con formula attiva a base di enzimi. I componenti delle proteine e del sangue vengono scissi, favorendo un facile distaccamento della macchia dal tessuto. Inumidite la macchie con il prodotto, lasciate agire per 5-10 minuti e poi potete lavare le lenzuola come di consueto.

SCOPRI QUI TUTTA LA LINEA DEI PRODOTTI DR. BECKMANN!

 

Condividi su:

Commenta: