pulire-rivestimento-divano-microfibra

Divano in microfibra: come pulirlo e lavarlo nella maniera corretta

Pubblicato il 20 Luglio 2020

La microfibra è uno dei tessuti più usati nella produzione di arredamento tessile per la casa. Resistente, morbida e confortevole, viene preferita come rivestimento di divani e poltrone rispetto ad altri materiali per la sua semplicità di impiego e la comprovata versatilità.

Ci sono tanti buoni motivi per acquistare un divano con un rivestimento in microfibra. In primo luogo è ipoallergenico, quindi ideale se uno o più componenti della vostra famiglia soffrono di allergie. Inoltre è piacevole al tatto e comodo in qualsiasi stagione: diversamente rispetto alla pelle, la microfibra è avvolgente d’inverno e allo stesso tempo fresca d’estate. Un altro importante vantaggio dei divani prodotti in microfibra è la capacità di resistere nel tempo in maniera ottimale. Non teme animali e bambini, al contrario è uno dei pochi materiali che i gatti non utilizzano come tiragraffi, permette di rimuovere facilmente i peli dei cani che vi si depositano ed è molto semplice da lavare.

Come si lava il divano in microfibra? Lo dice l’etichetta

Il divano si è macchiato? Volete rinfrescare il vostro rivestimento in microfibra? Il primo passo da fare è controllare l’etichetta del produttore del vostro divano o del rivestimento in microfibra. È importante seguire le indicazioni contenute all’interno per avere la certezza di utilizzare dei prodotti idonei ad ottenere il migliore risultato senza danneggiare il tessuto.

Leggi anche: Come leggere i simboli del lavaggio sulle etichette dei vestiti

Potrete trovare sull’etichetta uno dei seguenti simboli o lettere:

  • Cerchio vuoto: il materiale è adatto per il lavaggio a secco con qualsiasi solvente.
  • Cerchio barrato: il tessuto non è adatto per il lavaggio a secco.
  • W”: il tessuto in microfibra può essere lavato solo con acqua. Se sulla lettera W compare una X, vuol dire che il materiale non è adatto un lavaggio a umido.
  • S”: questa lettera indica che il tessuto può essere lavato con solventi che non contengono acqua.
  • SW” o “S/W”: il materiale si può lavare sia con acqua che con solventi.
  • X”: questa lettera segnala che non è possibile lavare il tessuto, se non con una spazzola o rivolgendosi a un professionista.

Queste indicazioni sono fondamentali per sapere quali sono i prodotti e le modalità di lavaggio più idonee per pulire il vostro divano con cura. In caso di macchie che necessitano di un intervento specifico ad esempio, potete selezionare tra gli smacchiatori Dr. Beckmann quello più adatto al vostro rivestimento in microfibra, dopo aver verificato che l’etichetta ne consenta l’utilizzo.

Leggi anche: Smacchiare il divano dopo il finger food: come rimuovere le macchie di cibo?

lavare-microfibra-divano

Come e con quali prodotti pulire il divano in microfibra

La prima regola da seguire per avere un divano in microfibra pulito e fresco è utilizzare ogni settimana l’aspirapolvere per rimuovere peli e residui dal tessuto. Se lo possedete, potete adoperare l’apposito beccuccio ridotto dell’aspirapolvere per aiutarvi a eliminare facilmente le briciole, la polvere e i peli dei vostri animali domestici.

Nel caso in cui il divano non sia sfoderabile, potete seguire le indicazioni sull’etichetta del produttore per pulirlo con i prodotti specifici più indicati. Qualora invece sia possibile sfoderare il rivestimento in microfibra potete optare per il lavaggio in lavatrice, se non sconsigliato dall’etichetta.

La microfibra può essere lavata in lavatrice seguendo alcune accortezze per evitare che il tessuto si ristringa e irrigidisca:

  1. Optare per lavaggio delicato a una temperatura massima di 30°.
  2. Impostare la centrifuga a meno di 800 giri al minuto.
  3. Utilizzare una piccola quantità di detersivo ed evitare l’utilizzo dell’ammorbidente, che rimarrebbe intrappolato nelle fibre del tessuto.
  4. Asciugare la microfibra all’aria aperta in maniera naturale. Se l’etichetta lo ammette e possedete un’asciugatrice a tamburo con ciclo per capi sintetici, potete utilizzare Il Profuma Biancheria Dr. Beckmann, che grazie alla formula profumata priva di ammorbidente, è adatto anche per la microfibra e per i tessuti tecnici.
  5. Dopo l’asciugatura, evitare di stirare il rivestimento del divano in microfibra.

Condividi su:

Commenta: