stirare-senza-ferro

5 trucchi per stirare senza ferro (e risparmiare sulla bolletta)

Pubblicato il 15 Ottobre 2019

Cosa non faremmo per non stirare più? Qualsiasi cosa! Una delle soluzioni più alla portata di mano è quella di stirare senza ferro da stiro. Come? Ci sono tanti modi, noi ve ne segnaliamo cinque, i più importanti e necessari per un risultato straordinario!

1. Si inizia dall’acquisto dei capi

Innanzitutto è importante scegliere i tessuti dei capi al momento dell’acquisto: molti tessuti moderni non necessitano di stiratura. Abiti in jersey, cotone elasticizzato, elastan, oppure il cotone 100%, che si presta bene a non essere stirato. Inoltre, si può scegliere anche quei vestiti cosiddetti “arricciati”, che non necessitano di stiratura, oppure anche le anche camicie no-stiro, appositamente studiate per non essere stirate!

2. La lavatrice ha poteri nascosti

Se stai per acquistare una lavatrice nuova, ricordati che alcuni modelli hanno l’opzione “stiro facile”, che riduce la forza della centrifuga, lasciando i capi meno spiegazzati.

Meglio scegliere programmi di lavaggio brevi, con temperatura ottimale di 30-40 °C. A meno che non si tratti di un bucato davvero sporco, generalmente si può lavare quasi tutto a basse temperature. L’acqua molto calda logora i tessuti e stropiccia le fibre, oltre a consumare molta energia.

Fate attenzione anche a detersivi e ammorbidente: meglio usare poco detersivo (non rimarranno tracce sui tessuti) e scegliete l’acido citrico al posto dell’ammorbidente. Ha un’azione anticalcare che distende i tessuti e non appesantisce le fibre dei capi, favorendo una rapida asciugatura.

Altra accorgimento importante è quello di non riempire troppo la lavatrice, ma lasciare un po’ di aria tra i panni e la parte alta del cestello. Eviterà la formazione di ulteriori pieghe nel bucato durante la centrifuga. Impostate sempre una centrifuga bassa, tra i 500 e i 600 giri. Non appena la lavatrice avrà finito di lavare, è essenziale togliere subito i capi e stenderli, eviterà che rimangano spiegazzati e si formino brutte pieghe.

Leggi anche: Come leggere i simboli del lavaggio sulle etichette dei vestiti

3. Stendere nel modo giusto è fondamentale

La fase dello stendere è un passaggio fondamentale e importantissimo. Praticamente, tutto quello che riuscirete a “stirare con le mani”, eviterete poi di ripassarlo col ferro da stiro! Quindi, eliminate subito la maggior parte delle “grinze” dei tessuti riducendo drasticamente l’utilizzo del ferro da stiro.

Per prima cosa, sbattete bene i capi 2-3 volte prima di metterli sullo stendino. Se utilizzate le mollette, cercate di non stringerle troppo sui tessuti e posizionatele nei posti nascosti, in modo che eventuali segni non siano evidenti.

Una volta finita la centrifuga, quindi cercate di stendere subito tutto il bucato, seguendo questi accorgimenti:

  • Camicie: tirate bene il tessuto, soprattutto nella fila dei bottoni, colletto e polsini, chiudendo anche i bottoni, in modo da distendere bene le fibre. Poi fatele asciugare su una stampella.
  • Maglie e magliette: dopo averle sbattute un paio di volte, distendete il tessuto con le mani, e poi fatele asciugare sulla stampella.
  • Maglioni e capi in lana: per evitare che prendano strane forme e che le fibre si deformino, stendeteli in orizzontale sullo stendino, avendo cura di girarli di tanto in tanto. Evita di appenderli, rischiano di prendere la forma della stampella, a causa del peso dell’acqua.
  • Gonne e minigonne: dopo averle sbattute ben bene, appendetele dalla vita.
  • Jeans e pantaloni: sbatteteli bene, tira bene gli orli, poi “stirateli” con le mani in modo che le fibre si distendano bene. Stendeteli al contrario, dalla parte dei piedi, e tirate fuori le tasche, oppure stendeteli al rovescio.
  • Lenzuola e asciugamani: dopo averli sbattuti 2 o 3 volte, stendeteli aperti e, quando sono leggermente umidi, ripiegateli accuratamente. Stirateli per bene con le mani, poi riapriteli e lasciate che finiscano di asciugarsi. Riponeteli impilati: il peso aiuterà a piegarli per bene.

stirare-senza-ferro

4. L’arte del piegare per stirare-senza-ferro

E’ essenziale piegare subito i vestiti asciutti: non lasciateli troppo sullo stendino e soprattutto non accatastateli alla rinfusa, aspettando di piegarli più tardi. La pila disordinata di vestiti asciutti è micidiale, perché crea un’infinità di pieghe!

Quando piegate i vestiti, non dovete fare altro che “stirate” bene i tessuti con le mani, eseguendo l’operazione su una superficie dura come il tavolo. Piegate meticolosamente e con una certa precisione ogni capo, come se fosse di fatto appena stirato. Se non ci sono cuciture o modelli particolari, si stireranno quasi da soli. Questo vale soprattutto per la biancheria di casa: il peso della pila di panni aiuterà i tessuti a stendersi ulteriormente. Ricordate che piegare bene i panni è essenziale per stirare senza ferro!

Leggi anche: Come stirare una camicia: i 5 trucchi fondamentali per un risultato senza pieghe

5. L’asciugatrice, un’alleata preziosa

Se utilizzata con cura e con parsimonia (per evitare bollette salate), l’asciugatrice permette di ottenere un bucato non molto stropicciato. I capi di abbigliamento e la biancheria di casa (tende, lenzuola, asciugamani) non necessitano di stiratura dopo l’asciugatura. Basta prelevare i panni subito dopo il termine del ciclo di asciugatura e piegarli per bene.

Infatti, se si piegano subito dopo, grazie al calore che il tessuto mantiene per alcuni minuti, risulteranno come appena stirati. Altro risultato, invece, se si lasciano all’interno dell’asciugatrice per qualche ora, oppure se si piegano in un secondo momento.

Quindi è importante programmare il ciclo di asciugatura, avviandolo solo quando potrete occuparvi subito dopo della piegatura dei panni. Inoltre, per agevolarvi, molte asciugatrici hanno il programma apposito per non stirare. Tutto ancora più semplice!

Leggi qui: Asciugamani morbidi: il segreto naturale per mantenerli soffici nel tempo

Come risolvere il problema delle pieghe nell’asciugatrice

Il bucato nell’asciugatrice, nel tempo, rischia di rovinarsi perché i tessuti sono sottoposti a un forte strofinamento, che li rende più rigidi e più difficili da stirare. 

Dr. Beckmann ha ideato la Sfera per Asciugatrice che, grazie alla sua speciale tecnologia massaggiante con una spirale dentellata, garantisce un bucato piacevolmente morbido. Gli speciali dentini dalla superficie arrotondata ammorbidiscono i tessuti e riducono le pieghe, preparando così il bucato a una stiratura perfetta.

L’innovativa tecnologia permette alla Sfera per Asciugatrice di sollevare e separare i singoli indumenti, consentendo quindi un migliore passaggio dell’aria calda, la riduzione dei tempi di asciugatura e del consumo di energia.

Inoltre, Il Profuma Biancheria può essere facilmente versato all’interno della Sfera per Asciugatrice, garantendo al bucato un fresco e duraturo profumo. Ideale per tutti i tessuti, incluse microfibra e tessuti tecnici.

 

SCOPRI QUI TUTTA LA LINEA DEI PRODOTTI DR. BECKMANN!

Condividi su:

Commenta: